Se sei alla ricerca di un posto dove rilassarti e trovare un panorama al tramonto da toglierti il fiato, non ci sono dubbi, raggiungi i Colli Euganei e per l’esattezza vai al Pianoro del Mottolone.

Uno dei posti più suggestivi che abbiamo mai visto, per il panorama e la pace che si respira. Portati infatti una coperta per una siesta in attesa che il cielo si tinga dei colori del tramonto.

Pianoro del Mottolone: come raggiungerlo

Puoi facilmente arrivarci in auto, seguendo la strada di Via Scalette che collega Arquà Petrarca con Faedo, e lo troverai poco dopo l’Azienda Agricola Vignalta. C’è un ampio parcheggio gratuito dove sostare la macchina.

Ti troverai difronte ad una terrazza panoramica dove ammirare nel suo splendore i Colli Euganei meridionali: il Monte Cero, il Monte Castello, il Venda, il Monte Rusta, il Gemola e il Monte Rua.

Pianoro del Mottolone

Ma quello che più ci ha stupito, è il suolo di rocce chiare e la vegetazione tutt’attorno dove prevalgono piccoli arbusti della macchia mediterranea, che sembrava di entrare in uno dei tanti sentieri che ti portano nelle spiagge Toscane.

Pianoro del Mottolone

Diversi sono i percorsi che conducono sul Pianoro del Mottolone. Sia per chi ama camminare ma anche per chi pratica la mountain-bike, in questo modo vivi appieno la natura circostante. Infatti abbiamo deciso che ci ritorneremo presto per fare un po’ di trail running.

Monte Fasolo per vivere due punti panoramici in una giornata

Ma se cerchi un sentiero semplice, e vivere in una singola giornata, due posti meravigliosi nei Colli Euganei, ti consigliamo di partire a piedi dal vicino Monte Fasolo. Questo posto lo consigliamo come prima tappa per concludere così al tramonto al Pianoro del Mottolone.

Raggiungi quindi con l’auto l’enoteca Monte Fasolo, dove puoi lasciare l’auto, da qui prosegui a piedi per una semplice camminata nella famosa via dei mandorli.

Un lungo viale che, a primavera, si riempie di colori rosa, creando un panorama davvero spettacolare, e con la vista panoramica su un lato sui vigneti.

Monte Fasolo

La fioritura dei mandorli qui arriva abbastanza presto, verso fine febbraio – inizio marzo. Noi, infatti, siamo arrivati un po’ tardi e alcuni alberi erano già spogli dei suoi fiori. La bellezza tuttavia era comunque notevole.

Inoltre, tra uno scatto fotografico e l’altro ti consigliamo di soffermarti anche all’enoteca del Monte Fasolo. Ideale, per un ristoro prima di ripartire a camminare per raggiungere il Pianoro del Mottolone. Qui potrai gustare degli ottimi cicchetti, oltre ai vini biologici dell’Azienda Agricola Monte Fasolo e Le Volpi. Volendo, è possibile prenotare anche una degustazione completa con visita alla cantina, al costo di € 20 oppure solo degustazione di tre calici di vino al costo di € 10.

Con la pancia piena puoi così riprendere la camminata verso la parte opposta e raggiungere il Pianoro del Mottolone. Qui potrai riposarti un po’ e aspettare la magia del tramonto.

Pianoro del Mottolone

Volendo ovviamente puoi lasciare qui l’auto e andare prima al Monte Fasolo e poi rientrare, così da essere più comodo per il rientro a casa. La distanza tra i due punti panoramici è circa di 2 chilometri, a te la scelta.

Speriamo di esserti stati d’ispirazione per vivere una giornata all’insegna della natura e del relax. Continua a seguirci anche su Instagram per essere sempre aggiornato, o iscriviti alla nostra newsletter.

Codice etico

Questo articolo è scritto sulla base della nostra esperienza, con informazioni veritiere, che siano utili per te quando pianificherai i tuoi viaggi e itinerari.

Tieni presente che alcuni collegamenti in questo blog post potrebbero contenere link di affiliazione, ovvero se acquisterai uno dei prodotti qui menzionati seguendo il link, riceveremo una piccola commissione che ci aiuterà a coprire il mantenimento del blog. L’utilizzo di questo collegamento, tuttavia, non aumenterà il prezzo finale per te.

Lara & Davide

Due cuori in viaggio, con una costante voglia di fuga. Viaggiatori zaino in spalla, amanti dello sport e della natura e che non amano lasciare i propri sogni nel cassetto. Tra una corsa e l’altra ti raccontiamo il mondo.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *