Ultima boccata d’ossigeno per un’escursione tra le meraviglie del Passo Giau al Rifugio Nuvolau, per questo week-end in vista di una zona arancione che purtroppo ha toccato anche il Veneto, come ormai tutta Italia.

E non potevamo starcene sicuramente a casa sul divano!

E infatti il richiamo di una fuga dalla città è stato inevitabile, e per fortuna seguiamo sempre il nostro istinto perché ci siamo trovati difronte ad un paesaggio spettacolare e incantato, tra il candore della neve e un blu intenso che faceva da contrasto, oltre ad una temperatura assai soleggiata che la faceva da padrona.

Siamo nuovamente tornati nelle nostre affezionate Dolomiti Ampezzane ma il punto di partenza questa volta è stato il Passo Giau.

Passo Giau

Direi una delle nostre escursioni preferite che ricordiamo sempre con gioia ed entusiasmo, in qualsiasi stagione.

Solitamente in estate optiamo per l’anello del passo Giau fino al Rifugio Nuvolau. Un giro che tocca tutti i punti caratteristici di questa zona, quindi 5 Torri, Rifugio Scoiattoli, Rifugio Averau fino a concludere in vetta al Rifugio Nuvolau, ma non essendoci sentieri battuti, con la neve abbiamo preferito optare per un percorso più semplice, come vi spieghiamo sotto in dettaglio.

Senza dubbio, è una delle nostre mete predilette, per l’ampiezza del panorama a 360° gradi e per i suoi emozionanti paesaggi. Ogni volta che torniamo qui non riusciamo a non rimanere stregati per ore a fissare il panorama, un po’ come se fosse sempre  la prima volta, e si finisce che non si vuole più tornare a casa.

Escursione Passo Giau: il nostro itinerario

Si tratta di un’escursione senza particolari difficoltà, adatta anche a chi non è un grande camminatore. Di breve durata e intensa solo nella parte finale, ma come sempre ogni sforzo è sempre ben ripagato dalla bellezza che ti troverai difronte, e ti sentirai poi particolarmente soddisfatto.

Punto di partenza il parcheggio del Passo Giau a circa 2.236 metri di quota, e già da qui possiamo vedere la nostra meta in cima alla montagna: il Rifugio Nuvolau,  a 2575 metri di quota.

Rifugio Nuvolau

Ad un certo punto si incontrerà il segnavia 452 per il Rifugio Nuvolau, e proseguirai seguendo il sentiero con una traversata sempre panoramica con veduta sulle spettacolari vette circostanti, fino ad arrivare al Rifugio Averau a 2.413 metri di quota, dove godrai di una bellissima veduta sulla Tofana di Rozes, Civetta e Marmolada.

Passo Giau

Ma l’escursione non finisce qui, e ti consigliamo di salire ovviamente allo storico Rifugio Nuvolau, e vedrai che non rimarrai deluso. Ti si aprirà uno spettacolo unico e un’ampia vista privilegiata sulla conca ampezzana, praticamente uno scenario da cartolina.

Rifugio Nuvolau

Una volta rilassato e rigenerato, tornerai per lo stesso identico percorso.

Rifugio Nuvolau

Dati tecnici:
  • Dislivello: 450
  • Lunghezza percorso: 8 km
  • Tempo di percorrenza: 3.00 ore

Download file: activity_6389081970.gpx

E infine i nostri consigli:

Il percorso è semplice, ma la prudenza è sempre importante, quindi non arrivare impreparato ed equipaggiati di ramponcini, in quanto la neve è ghiacciata e si rischia di scivolare

Ricordati che la meta è molto quotata per la sua bellezza, quindi il nostro consiglio è di partire presto al mattino così da privilegiare del silenzio assoluto che solo la montagna ti sa regalare.

Una volta ritornato al parcheggio fai una sosta, siediti e aspetta che scenda il sole fino a goderti lo scenario che ti si presenterà difronte, qualcosa di veramente unico e speciale. Perché come sempre il tramonto resta una delle cose più belle che la natura ci possa offrire.

Tramonto Passo Giau

Non ci sono parole per descrivere questo panorama, e non resta quindi che stare in silenzio e godere di ogni attimo della magia che hai davanti a te.

Tramonto Passo Giau

Cosa ne pensi? Ti abbiamo convinto ad andarci?

Se hai bisogno di qualche consiglio sull’attrezzatura da portare con te, dai un occhio al nostro kit per il trekking, o scrivici e saremo lieti di aiutarti!

MyTour Banner

Lara & Davide

Due cuori in viaggio, con una costante voglia di fuga. Viaggiatori zaino in spalla, amanti dello sport e della natura e che non amano lasciare i propri sogni nel cassetto

Ti potrebbe interessare:

6 commenti

  1. Ciao … volevo fare il giro domani mattina dal giau all’ ‘averau …. Ho visto il vostro tragitto che ad un certo punto taglia sotto la seggiovia di rifugio fedare … ma si attraversano anche la pista da sci ?( so che è vietato) o c’è altra soluzione? grazie

    1. Partendo dal parcheggio Passo Giau, prendi il sentiero che costeggia proprio la montagna (che avrai alla tua destra), non ce ne sono altri quindi non puoi sbagliare. Il sentiero è il numero 452. Se invece parti dal Rifugio Fedare, devi prendere la traccia fuoripista che segue il sentiero 464. Sono Km 2,2 Dislivello 413 metri. Non so domani come sia il terreno, ma portati i ramponcini. Speriamo di esserti stati di aiuto e facci sapere.

          1. Appena tornati … giro fantastico , ma un po’ troppa neve il sentiero era inesistente , siamo andati ad occhio e abbiamo faticato parecchio,con i ramponi ,ci volevano le ciaspole . Cq è stata una giornata piena di sole e panorami mozzafiato: il ritorno abbiamo preferito non rischiare e farlo con la seggiovia dall Averau a fedare e poi siamo risaliti 2 km al passo giau dove avevamo L ‘auto …. Grazie per L intinerario fantastico CIAO!

          2. Ci fa piacere che vi sia piaciuto, purtroppo non sapevamo come sarebbe stato oggi lo stato della neve, anche perchè non vorremmo sbagliarci ma qualche giorno fa ha di nuovo nevicato e probabilmente coperto il sentiero. Lì è stupendo. Ti consigliamo anche di farlo in estate con giro antiorario, trovi l’articolo sempre nel blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.