Se cerchi una camminata ampia e panoramica che ti lasci senza fiato, seguici in questo itinerario: ti portiamo al Rifugio Mulaz a 2.560 metri di altitudine partendo da Passo Rolle. Siamo in Trentino, con le sue suggestive Dolomiti che ti incantano ad ogni passo. Sarà un percorso, ai piedi delle maestose pale di San Martino, con panorami mozzafiato che, come sempre, regalano momenti unici.

Pale di San Martino

Rifugio Mulaz da Passo Rolle: il nostro itinerario

Punto di partenza è appunto da Passo Rolle in Val di Primiero. Puoi parcheggiare nel parcheggio gratuito che troverai nell’ultima curva prima del passo, se arrivi da San Martino di Castrozza.

Prendi il sentiero che subito in salita, ti porta verso Baita Segantini. Una salita di circa 40 minuti, ma già percepirai che ti aspetterà una giornata dai paesaggi emozionanti. Questo tratto è sempre incantevole da percorrere. Tra verdi prati e le montagne rocciose che spiccano nel blu del cielo e che si riflettono sul laghetto lì vicino.

Rifugio Mulaz da Passo Rolle

Da qui prosegui per una serie di tornanti in discesa verso la Val Venegia. Una camminata piacevole che ti accompagna fino al bivio del sentiero 710 Quinto Scalet. Inizia così una salita un po’ più impegnativa che ti porta prima al passo Mulaz, fino a poi raggiungere il Rifugio Mulaz. Sarà una serpentina che si alterna a tratti più verdi e poi sempre più rocciosi. Un sentiero di grande fascino, dove avrai una spettacolare vista sulla verde Val Venegia e la sulle Pale di San Martino. Immagini che cattureranno continuamente la tua vista. Guardati attorno, in alto, in basso e lasciati avvolgere da questi panorami incredibili. Solo l’ultimo tratto è un po’ più difficoltoso perché roccioso, ma in compenso abbastanza breve, basta fare un po’ di attenzione.

Rifugio Mulaz da Passo Rolle

Una volta raggiunto il rifugio, lo spettacolo sarà incredibile, in lontananza si possono vedere delle maestose montagne come: la Civetta, il Pelmo, il Cristallo, la Marmolada, e le Tofane.

Rifugio Mulaz da Passo Rolle

Una volta goduto il panorama, ritorni per lo stesso percorso dell’andata. Ti consigliamo di fare una tappa a Capanna Cervino prima di risalire in auto, per una buona birra e una fetta di strudel, che non mancano mai dopo un’escursione.

Se arrivi verso l’ora del tramonto inoltre godrai del famoso effetto enrosadira, ovvero quando le montagne si accendono di colore rosa fino a raggiungere un colore di rosso intenso. Soprattutto in estate, è davvero uno spettacolo imperdibile, perché il crepuscolo dura più a lungo.

Rifugio Mulaz

L’escursione non è particolarmente difficile, certo è abbastanza lunga e quindi meglio essere un po’ allenati prima di affrontarla, vedi qui sotto i dettagli del percorso.

Dati tecnici:

  • Dislivello: 1.250
  • Lunghezza percorso: 17,5 km
  • Tempo di percorrenza: 5.30 ore

Download file: activity_3868917733.gpx

Questo luogo per noi è davvero stupendo, tra prati verdeggianti e cime imponenti che amiamo tornarci in ogni stagione, e per una parte del percorso ci andiamo anche correndo, come dettagliato anche qui: “Pale di San Martino: correre da Baita Segantini ai Laghi di Colbricon“.

Speriamo, quindi, di averti ispirato per un nuovo itinerario distante dalla città e immerso in natura, dove ritrovare il proprio benessere, con i suoi paesaggi da cartolina ed ideale anche per una gita in giornata.

Condividi
MyTour Banner

Lara & Davide

Due cuori in viaggio, con una costante voglia di fuga. Viaggiatori zaino in spalla, amanti dello sport e della natura e che non amano lasciare i propri sogni nel cassetto

Ti potrebbe interessare:

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *